Hemingway in poche righe

L’irresistibile fascino che Ernest Hemingway (1899-1961) suscitò e suscita ancora è dovuto non solo ai successi letterari, riconosciuti con i premi più prestigiosi come il Pulitzer (per Il Vecchio e il Mare, nel 1953) e il premio Nobel per la Letteratura nel 1954, ma anche e soprattutto perché in un’unica personalità si intrecciarono la figura di libero viaggiatore all’insegna dell’avventura, il volontariato e il ruolo di corrispondente di guerra, l’appartenenza alla “Lost Generation” e, infine, l’epoca di pescatore in acque cubane.

Pur in contatto con le avanguardie, fu propenso all’uso di uno stile narrativo che prediligeva la semplicità che gli permetteva di far convergere l’attenzione del lettore sulla problematica dei suoi personaggi. Tra i titoli più famosi vanno senza dubbio citati “Addio alle armi” (1929) e “Per chi suona la campana“(1940). Secondo la critica, la produzione di racconti costituisce la miglior parte della sua opera letteraria. Nel 1938 l’autore li ricompilò nella raccolta “I primi quarantanove racconti“. (continua…)

Fonti: materiali Scuola di Scrittura

Traduzione, parafrasi: Nadia Zamboni Battiston

2 pensieri su “Hemingway in poche righe”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...